home


Franesco Arecco

Il privilegio del fulmine, Mimesis Resilienze

Francesco Arecco elabora un proprio pensiero in merito al tema: il rapporto fra arte e natura e propone il titolo della mostra e la sua poetica:
"Il privilegio del fulmine". Si affida ad un Critico, il Prof. Pinotti, la descrizione della ricerca e a un fotografo, Andrea Repetto, il racconto delle notti passate a lavorare alle opere per la mostra. Una Storica dell’Arte, Eleonora Tardia, lavora al tema del legno, l’allestimento viene fotografato da istantanee di Andrea Repetto. Il progetto espositivo viene descritto dalla Curatrice della mostra, Carla Ricevuto, sia nel suo divenire che nel risultato. Il nucleo del catalogo è costituito dalle fotografie delle opere, Vernice Fresca cristallizza il rapporto fra spettatori e opere.

In principio é la terra - Scultura per il Forte di Gavi e l’Area Archeologica di Libarna
a cura di Matteo Galbiati e Kevin McManus - progetto resiliente del Movimento di resilienza italiana
Fotografie delle opere di
Andrea Repetto ed Enrico Minasso
Vernice Fresca: progetto d’arte di Andrea Repetto

Gibellina città resiliente, Fondazione Orestiadi
fotografie di Andrea Repetto, a cura di Giorgia Salerno

"Oggi a venticinque anni dalla pubblicazione di Gibellina, utopia concreta, Andrea Repetto omaggia Gibellina con una sua rilettura fotografica del testo del 1990, donando una connotazione forte alla città distrutta e riscostruita: Gibellina città resiliente  [...]  Una lettura profonda, quella di Andrea Repetto, che mostra di aver compreso nell’intimità la sicilianitudine di cui parlavano Sciascia e Corrao."
 Giorgia Salerno
copertinapaul.jpg
Andrea Repetto si è messo all’ascolto della conversazione immaginaria tra opere lontane fra loro per tempo, tecnica, forma e ragione di esistere; Repetto ha scoperto in questa esposizione il fascino di potersi perdere tra i vari elementi dell’allestimento arrivando in alcuni momenti - lo racconta lui stesso - "a perdere il senso delle proporzioni e della delimitazione (fisica) del quadro stesso". E la domanda che si è posto spesso è stata la medesima: "Dove finisce il quadro? Dove non c’è più la tela, l’acciaio? "
Chiara A.Lanzi
ANNE-KARIN FURUNES
SHADOWS, Punto Marte Editore


Venezia, Palazzo Fortuny, 2014, Catalogo a cura di Elena Povellato,
fotografie di: Mark Smith, Adolfo Botta, Mario Vidor, Archivio Fotografico Museo Fortuny, Andrea Repetto

Andrea Repetto
OVADA, Il Piviere


“Un viaggio per immagini, alla scoperta della città e del suo ambiente, affidato allo sguardo vagabondo tipico del flậneur, che segue una propria geografia della narrazione, soffermandosi sugli aspetti prevalenti del paesaggio, per ricercarne non solo il dettaglio, ma il contesto e talvolta il controcampo.
Una lettura tutt’altro che statica e di prevedibile esaltazione dei singoli monumenti: si tratta infatti di un vero e proprio metodo di ricerca e di racconto che trova, sempre più spesso, riscontro sia nelle scienze sociali che nelle diverse forme dell’espressione contemporanea

Carlo Cichero - Enrico Minasso - Andrea Repetto
LA CASACCIA - ALBUM

"La vita continua in questa casa dove si vogliono vivere nuove esperienze e nuove avventure e sono l’occasione insieme alle opere di questi 3 artisti. 3, un numero importante […] 3 i fotografi, 3 amici che, attraverso l’obiettivo hanno voluto trasmetterci emozioni e sentimenti. I loro occhi hanno colto l’arte e la quotidianità; tutta la vita di questa famiglia. Hanno permesso che questa installazione potesse diventare un viaggio emozionante anche per tutti quelli che non hanno potuto viverlo dal vero"
Giuseppina Caccia Dominioni Panza di Biumo

OVADA INCONTEMPORANEA FESTIVAL  diario 2008 di andrea repetto

"Se faccio mente locale sui suoi lavori, penso al bianco e nero, al taglio orizzontale, alle danze di ombre e luci, al particolare che prende vita nelle visioni d'insieme, al ruolo cruciale degli elementi non centrali dell'immagine, all'attenzione sulla materia e, ancora, a quei contesti ricostruiti in percorsi composti di più immagini, le quali realizzano un racconto che ha tutta la forza vibrante della vicenda individuale e tuttavia la saggezza del punto di vista che sa di essere uno fra altri, solo uno possibile, però scelto, voluto, pensato, in quanto occasione, ogni volta unica, d'incontro"

Tiziana Piccioni
Andrea Repetto - Massimo Campora
PASTRES PASTORI BEGERS
, Ecomuseo della Pastorizia

"Ci guardano i volti rudi e scavati dalle intemperie nelle belle fotografie di Andrea Repetto e Massimo Campora, facce che parlano di una vita certamente scomoda, ma ricca di soddisfazioni"
Luca Mercalli
cop-Apiu.jpg
A+ D' AUTORE - MONFERRATO TERRA SENZA CONFINI, Camera di Commercio di Alessandria

"Scatti di celebri fotografi italiani come Gabriele Basilico, Claudio Sabatino, Claudio Gobbi, Andrea Repetto, Davide Dutto, a cui si aggiunge Peter Marlow dell' Agenzia Magnum, che ritraggono diversi aspetti della vita di una provincia, e soprattutto uno sguardo di sensazioni. Per questo le immagini vogliono sfuggire dalla logica patinata della fotografia turistica per diventare uno strumento narrativo con cui far vivere al lettore la vita di Alessandria e del Monferrato"
Andrea Repetto - Massimo Campora
CUORE DI CABANE', L' Artistica Editrice

"Un libro che raccoglie tre anni di ricerca fotografica per catturare gli aspetti del paesaggio antropico locale. Con le sue cascine e la sua gente, Marcarolo è protagonista attraverso le persone che hanno deciso di continuare in questo territorio, per ritrovare una dimensione più umana"
cop-scrivia

SCRIVIA - FOTOGRAFIE LUNGO IL CORSO DEL TORRENTE
, Provincia di Alessandria

Catalogo della mostra di Vittore Fossati, Emanuele Piccardo, Pietro Luigi Piccardo, Andrea Repetto, Mario Tinelli e Raffaele Vaccari, con testo critico di Pierangelo Cavanna.

"I sei fotografi riuniti in questa iniziativa hanno realizzato immagini che affiancano l'aspetto documentario alla ricerca di segni dal forte potere evocativo"
Pierangelo Cavanna